Madonna di Campiglio

Madonna di Campiglio è una delle più celebri località del Trentino, apprezzata per i suoi meravigliosi panorami, le piste da sci, gli impianti di risalita e l’accoglienza (eleganti hotel e residence per le vacanze estive ed internali).

Fa parte del comune di Pinzolo, incastonata tra le vette dell’Adamello Presanella e del Brenta, ad un’altitudine di 1550 metri, all’interno del Parco Naturale dell’Adamello Brenta. Il territorio è compreso all’interno del Parco Naturale dell’Adamello Brenta, immerso tra panorami di montagne e vallate.

Madonna di Campiglio è una delle più importanti località sciistiche del Trentino, famosissima la sua pista 3-Tre che ospita le gare dello slalom speciale valide per la Coppa di Sci Alpino. E’ anche una località mondana, ricca di negozi e locali.

Cosa fare a Madonna di Campiglio

Madonna di Campiglio è la destinazione ideale sia in estate che in inverno, con moltissime proposte per gli amanti della natura e dello sport.

In inverno : 

Gli amanti dello sci possono trovare a Madonna di Campiglio ben 60 chilometri di piste e 20 impianti risalita, elementi che rendono di fatto questa località uno dei poli sciistici più importanti d’Italia.

Quali sono le piste da non perdere?

Sicuramente la storica pista 3-Tre, da sempre scelta per le gare di sci alpino, ed oggi sede delle gare di slalom e slalom speciale valide per la Coppa di Sci Alpino.
La Pista Graffer, che prende il suo nome dal celebre rifugio che si trova a metà della pista, intitolato Giorgio Graffer, Capitano Pilota dell’Aeronautica. Si ratta di una pista con un basso livello di difficoltà, ideale quindi anche per i principianti, ma molto amata anche dagli sciatori esperti.
La Pista Spinale Direttissima, con un dislivello di 600 metri e una lunghezza di quasi 2.5 chilometri. Si tratta di una pista abbastanza impegnativa, con l’ultimo tratto, intitolato a Michael Schumacher, col 70% di pendenza.
Il Canalone Miramonti è una pista da slalom ed ha ospitato, negli anni, le vittorie di grandi campioni (Ingemar Stenmark, Hirsher, Gustav Thöni e Tomba)

In estate : 

Madonna di Campiglio sorge in prossimità del Parco Naturale dell’Adamello Brenta, con oltre 450 chilometri di sentieri di montagna ideali per passeggiate, escursioni, trekking ed uscite in MTB.
Tra le attrazioni più belle sicuramente i laghi di origine glaciale : Lambin, Ritorto, Nero, Serodoli e Gelato.

Storia

Madonna di Campiglio è una località relativamente giovane, nacque intorno al 1868 quando Giambattista Righi di Strembo acquistò per 40.000 fiorini l’ex monastero di Santa maria di Campiglio, trasformandolo in un albergo “Lo Stabilimento Alpino” per l’accoglienza dei primi turisti in quest’area. Nel 1875 si impegnò nella costruzione della strada che collegava le principali località dell’Alta Val Rendena con Madonna di Campiglio. L’attività iniziata da Gian Battista fu ereditata nel 1882 da Franz Joseph Oesterreicher, che già possedeva il Grand Hotel Trento. Secondo i meglio informati Franz Joseph sarebbe stato il figlio illegittimo dell’Imperatore d’Austria e Ungheria. Franz Jospeh riuscì a trasformare Madonna di Campiglio nella perfetta località di soggiorno per la nobiltà e la ricca borghesia dell’epoca. tra il 1889 ed il 1894 vi soggiornarono anche l’Imperatore Francesco Giuseppe e la Principessa Sissi.
La famiglia Oesterreicher rimase proprietaria di Madonna di Campiglio fino al 1955. Nel 1947 nacque la Società Funivie Madonna di Campiglio e nel 1948 venne inaugurato la prima seggiovia che conduceva da madonna di Campiglio allo Spinale.

Come arrivare a Madonna di Campiglio

Per chi proviene dall’autostrada A22 Modena-Brennero, uscita Trento Sud per chi proviene da sud, uscita San Michele all’Adige per chi proviene da nord.
Per chii proviene dall’autostrada A4 Milano Venezia, uscita Brescia Est e poi proseguire su SS45bis, SS237.
Madonna di Campiglio è facilmente raggiungibile seguendo poi la SS 239 di Campiglio che funge da collegamento tra la Val di Sole e le Valli Giudicarie, oltrepassando il valico alpino di Campo Carlo Magno.